27 Novembre 2022

Frasi più belle tratte dal film Interstellar

Frasi dal film Interstellar

Interstellar è un film di fantascienza del 2014 diretto da Christopher Nolan premiato sia agli Oscar che ai BAFTA del 2015 con il premio migliori effetti speciali.

Frasi dal film Interstellar

Il film è ambientato in un apocalittico XXI secolo dove l’umanità è vittima di incessanti tempeste di sabbia e il cibo scarseggia. Un gruppo di scienziati appartenenti un tempo alla NASA, sfruttando un buco nero per superare le limitazioni fisiche del viaggio spaziale e coprire le immense distanze del viaggio interstellare, organizza una serie di missioni spaziali alla ricerca di un pianeta abitabile. Prende parte a queste spedizioni Cooper (Matthew McConaughey), un ex pilota di talento, che lascia i propri figli per imbarcarsi in una missione per salvare l’umanità.

Scopri le frasi più belle del film “Interstellar”

La terza legge di Newton. L’unico modo che gli umani hanno trovato per andare avanti è lasciarsi qualcosa alle spalle.
TARS

Inoltrandoci nell’universo dobbiamo affrontare la realtà del viaggio interstellare. Dobbiamo arrivare molto al di là della nostra personale esistenza. Dobbiamo pensare non come individui, ma come specie.
Professor Brand

Amelia Brand: L’amore non è una cosa che abbiamo inventato noi. È misurabile, è potente. Deve voler dire qualcosa.
Cooper: L’amore ha un significato, sì. Utilità sociale, solidarietà, allevare bambini…
Amelia Brand: Amiamo persone che sono morte. Qui non c’è un’utilità sociale.
Cooper: Non c’è.
Amelia Brand: Forse vuol dire qualcosa di più, qualcosa che non possiamo ancora afferrare. Magari è una testimonianza, un… un artefatto di un’altra dimensione che non possiamo percepire consciamente. Io sono dall’altra parte dell’universo attratta da qualcuno che non vedo da un decennio, una persona che forse è morta. L’amore è l’unica cosa che riusciamo a percepire che trascenda dalle dimensioni di tempo e spazio. Forse di questo dovremmo fidarci, anche se non riusciamo a capirlo ancora. Va bene, Cooper. Sì, anche la minima possibilità di rivedere Wolf mi entusiasma. Non vuol dire che abbia perso il controllo.
Cooper: Onestamente Amelia, può darsi.

Lei ha dei legami, ma anche senza una famiglia le posso assicurare che il desiderio di stare con altre persone è potente. Quell’emozione è alla base di quello che ci rende umani. Non è da sottovalutare.
Dr. Mann

Un tempo per la meraviglia alzavamo al cielo lo sguardo sentendoci parte del firmamento, ora invece lo abbassiamo preoccupati di far parte del mare di fango.
Cooper

Pregate di non sapere mai quanto può essere bello vedere il viso di un altro.
Dr. Mann

Quando ero bambino sembrava che inventassero qualcosa di nuovo ogni giorno: qualche aggeggio o un’idea. Ogni giorno era Natale. Ma sei miliardi di persone… Prova solo a immaginarlo… E ognuna di queste persone che vuole avere tutto.
Donald

Murph: Perché tu e la mamma mi avete chiamata come una cosa brutta?
Cooper: No, non è vero.
Murph: La legge di Murphy.
Cooper: La legge di Murphy non significa che succederà una cosa brutta, ma che tutto quello che può accadere accadrà. E a noi questo non dispiaceva per niente.

Dopo che siete nati voi, tua mamma mi ha detto una cosa che non avevo mai capito. Mi ha detto “Ora siamo qui solo come ricordi per i nostri figli”. Credo di aver capito che cosa voleva dire. Quando diventi genitore sei il fantasma del futuro dei tuoi figli.
Cooper

L’evoluzione è possibile solo attraverso l’amore.
Cooper

Forse l’amore é un artefatto di un’altra dimensione che non possiamo percepire consciamente… è l’unica cosa che possiamo percepire che trascende le dimensioni di tempo e spazio. Forse di questo dovremmo fidarci anche se non riusciamo a capirlo ancora.
Amelia Brand

Frasi dal film Interstellar

Donald: Questo mondo non ti è mai bastato, vero Cooper?
Cooper: Perché sento che andare nello spazio è quello per cui sono nato? Perché mi entusiasma? No, questo non lo rende sbagliato.
Donald: Può darsi. Non fidarti della cosa giusta fatta per i motivi sbagliati. È il perché che conta, è basilare.
Cooper: E il perché è solido. Noi agricoltori ci mettiamo seduti ogni anno quando la pioggia non arriva e diciamo “L’anno prossimo”. Ma l’anno prossimo non ci salverà e neanche quello dopo. Questo mondo è una miniera, Donald, ma è da un pezzo che ci sta dicendo di andarcene. L’umanità è nata sulla Terra ma non è destinata a morirci.

Ero io, Murph… ero io il tuo fantasma.
Cooper

Ciao papà. Che gran figlio di puttana. Non ne ho mai registrato uno quando rispondevi perché ero furiosa che te ne fossi andato. E poi quando hai scelto il silenzio mi è sembrato di dover accettare quella tua decisione. Ma oggi è il mio compleanno ed è un compleanno speciale perché tu mi hai detto… tu mi hai detto che al tuo ritorno avremmo potuto avere la stessa età. E oggi ho gli anni che avevi tu quando sei partito. Quindi questo sarebbe un ottimo momento per tornare.
Murph

Murph: Sì, lo so. Ma non mi volevano credere, pensavano che avessi fatto tutto da sola. Ma… io sapevo chi era. Nessuno voleva credermi, ma sapevo che saresti tornato.
Cooper: Come?
Murph: Perché il mio papà me l’aveva promesso.
Cooper: Ora sono qui Murph… sono qui.
Murph: No. Nessun genitore dovrebbe veder morire i propri figli. Ho i miei ragazzi adesso qui. Tu devi andare.
Cooper: Dove?
Murph: Brand. È rimasta lassù. Attiva la base. Sola, in una galassia sconosciuta. Forse adesso si prepara per un lungo sonno. Alla luce del nostro nuovo Sole. Nella nostra nuova casa.

Frasi dal film Interstellar

Cooper: È difficile lasciare tutto. I miei figli, tuo padre…
Amelia Brand: Dovremo passare moltissimo tempo insieme.
Cooper: Dovremo imparare a parlare.
Amelia Brand: E anche a non farlo. Sono una persona sincera.
Cooper: Non c’è bisogno che tu sia così sincera. Ehi, TARS, di sincerità qual è il tuo parametro?
TARS: 90%.
Cooper: 90%…
TARS: La sincerità assoluta non sempre è la forma di comunicazione più diplomatica e più sicura con degli esseri emotivi.
Cooper: Ok. 90% sia dottor Brand.

Lei sa perché non potevamo mandare delle macchine nelle nostre missioni, vero Cooper? Una macchina non improvvisa bene. Perché non si può programmare la paura della morte. Il nostro istinto di sopravvivenza è la nostra più grande fonte di ispirazione. Prendiamo lei come esempio: un padre con un istinto di sopravvivenza che si estende ai propri figli. Per la ricerca sa quale sarà l’ultima cosa che lei vedrà prima di morire? I suoi figli. I loro volti. In punto di morte la sua mente spingerà ancora un po’ di più per sopravvivere. Per loro, Cooper.
Dr. Mann

L’amore è quantizzabile.
Cooper

Mio padre pensava che lo chiamassi “fantasma” perché ne avevo paura. Ma non mi ha mai fatto paura. Lo chiamavo “fantasma” perché lo percepivo come una persona che cercava di dirmi qualcosa.
Murph

TARS: Loro non ci hanno portati qui per cambiare il passato.
Cooper: No… Loro non ci hanno portati qui. Siamo arrivati qui da soli.

Cooper: Mia figlia aveva dieci anni. Non potevo parlarle di Einstein prima di partire.
Amelia Brand: Non potevi dirle che andavi a salvare il mondo?
Cooper: No. Quando diventi genitore una cosa ti è molto chiara. Vuoi che i tuoi figli si sentano al sicuro. Non puoi dire a una bambina di dieci anni che il mondo sta per finire.

Cooper, non c’è tempo per la cautela.
CASE

Il leone è cattivo perché fa a pezzi una gazzella?
Cooper

La scienza è ammettere ciò che non sappiamo.
Murph

L”istinto di sopravvivenza è la base della nostra improvvisazione.
Dr. Mann

Il Giardino Degli Illuminati © 2012-2021 | Exentia srls Via Isonzo, 94 - 04100 - Latina | C.F. e P. Iva 02854870595 | REA LT 204642 | Pec exentiasrls@pec.it Realizzato da SyriusWeb