23 gennaio 2019

Rabindranath Tagore, le più belle frasi e citazioni famose

Frasi di Rabindranath Tagore. Rabindranath Tagore (Calcutta, 6 maggio 1861 – Santiniketan, 7 agosto 1941) è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo e filosofo indiano. Nacque a Calcutta nel 1861 e morì a Santi Neketan, nel Bolpur, nel 1941. Mentre Gandhi, con la disobbedienza civile, organizzò il nazionalismo indiano sino a ricacciare in mare gli inglesi, Tagore si propose di conciliare e integrare Oriente ed Occidente. Opera difficile, cui egli era preparato dall’esempio di suo nonno che nel 1928, fondando il Sodalizio dei credenti in Dio, integrò il monoteismo cristiano ed il politeismo induista. Figlio di un ricco bramino, Rabindranath Tagore studiò nel Regno Unito ove anglicizzò il proprio cognome (Thakhur). Tornato con la convinzione che gli inglesi san ben proteggere un’India bisognosa di protezione, egli si dedicò all’amministrazione delle sue terre e ad ogni forma d’arte. Fonte Wikipedia.

Le più belle citazioni e frasi di Rabindranath Tagore sulla vita

La natura, quando vuole comunicare con noi, non trovando altro modo, riempie il nostro animo di ritmi e melodie.


La libertà che significa unicamente indipendenza è priva di qualsiasi significato. La perfetta libertà consiste nell’armonia che noi realizziamo non per mezzo di quanto conosciamo, ma di ciò che siamo.


Non piangere quando tramonta il sole, le lacrime ti impedirebbero di vedere le stelle.


Le più belle citazioni e frasi di Rabindranath Tagore sulla vita

Una vera educazione non può essere inculcata a forza dal di fuori; essa deve invece aiutare a trarre spontaneamente alla superficie i tesori di saggezza nascosti sul fondo.


Il grande cammina con il piccolo, il mediocre si tiene a distanza.


Perché cerchi la gioia fuori da te, non sai che la puoi trovare solo nel tuo cuore?


L’amore è il significato ultimo di tutto quello che ci circonda. Non è solo una sensazione, è la verità, è la gioia che è la fonte di tutta la creazione.


Diventerete ciò che cercate continuamente di essere.


Il fiore si nasconde nell’erba, ma il vento sparge il suo profumo.


Proiettano la propria ombra dinanzi a sé coloro che si portano la lanterna a tergo.


Sparirà con me ciò che trattengo, ma ciò che dono resterà nelle mani di tutti.


L’uomo nella sua essenza non deve essere uno schiavo, o di se stesso o di altri, ma un amante. Il suo unico scopo è l’amore.


Gli alberi sono lo sforzo infinito della terra per parlare al cielo in ascolto.


L’onda non riesce a prendere il fiore che galleggia: quando cerca di raggiungerlo lo allontana.


Le più belle citazioni e frasi di Rabindranath Tagore sulla vita

Se si chiude la porta a tutti gli errori, anche la verità resterà fuori.


Non puoi attraversare il mare semplicemente stando fermo e fissando le onde. Non indulgere in vani desideri.


Sognai, e vidi che la vita è gioia; mi destai, e vidi che la vita è servizio. Servii, e vidi che nel servire c’è gioia.


Chi vuole fare il bene picchia al cancello; chi ama trova aperto il cancello.


Le parole vanno al cuore, quando sono salite dal cuore.


Quando siamo grandi in umiltà, siamo più vicini a ciò che è grande.


L’uomo si addentra nella folla per affogare il clamore del suo silenzio.


Colui che canta passa dalla gioia alla melodia, colui che ascolta, dalla melodia alla gioia.


La migliore forma di istruzione è quella che non dà solo informazioni ma fa stare in armonia con tutto quanto esiste.


Lascia che la tua vita danzi leggera sui bordi del tempo come rugiada sulla punta di una foglia.


Le più belle citazioni e frasi di Rabindranath Tagore sulla vita

Quando una religione ha la pretesa di imporre la sua dottrina all’umanità intera, si degrada a tirannia e diventa una forma d’imperialismo.


Una mente tutta logica è come un coltello tutto lama. Fa sanguinare la mano che lo usa.


La vita non è che la continua meraviglia di esistere.


Dormivo e sognavo che la vita era gioia.
Mi svegliai e vidi che la vita era servizio.
Volli servire e vidi che servire era gioia.


Il bambino chiama la mamma e domanda: “Da dove sono venuto? Dove mi hai raccolto?” La mamma ascolta, piange e sorride mentre stringe al petto il suo bambino. “Eri un desiderio dentro al mio cuore.”


Abbi sempre fede nell’amore anche quando ti farà soffrire.


Con l’intelligenza percepì l’essenza di Dio, con il cuore il suo amore, attraverso il carattere la sua virtù, e attraverso la fatica il dono di tutto se stesso.


Hai colorato i miei pensieri e i miei sogni, con gli ultimi riflessi della tua gloria, Amore, trasfigurando la mia vita per la prossima bellezza della morte. Come il sole, al tramonto, ci lascia intravedere un angolo di cielo, hai mutato il mio dolore in gioia immensa. Per incanto, Amore, vita e morte sono diventate per me la stessa grande meraviglia.


La farfalla non conta i mesi ma i momenti e ha tempo a sufficienza.


Il Giardino Degli Illuminati © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb