19 gennaio 2018

I luoghi più belli del mondo: Machu Picchu (Perù)

Cosa vedere, come visitare e quando andare a Machu Picchu

Le rovine di Machu Picchu sono state elette nel 2007 come una delle Sette Meraviglie del Mondo Moderno. Diventate ora un’importante meta turistica, sono state scoperte nel 1911 dall’archeologo Hiram Bingham Yale.

Situata in Perù, nella valle dell’Urubamba, a circa 2.430 di altezza, è considerata oltre che patrimonio dell’UNESCO anche come uno dei luoghi più suggestivi ed enigmatici del mondo. Il nome Machu Picchu deriva dai termini, machu (vecchio) e pikchu (montagna). Dagli studi storici e archeologici effettuati sappiamo che il popolo Inca ha utilizzato la cima della montagna andina erigendo centinaia di strutture in pietra sin dalla metà del 1400.

Alcune leggende indicano invece che Machu Picchu sia stata venerata come un luogo sacro molto tempo prima del XV secolo. Qualunque sia stata la sua origine, gli Inca hanno trasformato il sito in una piccola ma straordinaria città. Invisibile per i turisti dal basso, Machu Picchu era completamente autonoma e circondata da terrazzamenti agricoli sufficienti a sfamare la l’intera popolazione.

Duemila metri sopra il il letto del fiume Urubamba, le nubi hanno avvolto per secoli le rovine di questa incantevole città. Città fatta di palazzi, terme, templi, magazzini e circa 150 abitazioni. Il tutto appare al visitatore in un notevole stato di conservazione. Queste strutture, scolpite nel granito grigio della cima della montagna sono una meraviglia del genio sia architettonico che estetico. La visita turistica a Machu Picchu non offre solo l’opportunità di scoprire uno dei luoghi più straordinari del mondo, ma è anche un’ottima occasione per trovare quella quiete che solo questi spazi sanno dare.

Il Giardino Degli Illuminati © 2018 Exentia srls - REA 204642 | P.I. 02854870595 - Realizzato da SyriusWeb