Salute e Benessere

Discipline del Benessere
Benefici dell'Aromaterapia
Benefici dell'Agopuntura
Benefici della Cristalloterapia
Benefici dell'Ayurveda
Benefici della Cromoterapia
Benefici della Floriterapia
Benefici della Musicoterapia
Benefici della Pet Terapy
Come praticare il Reiki
Come praticare lo Yoga

Corpo, mente e spirito

Il Karma e il Principio Karmico
Il Principio Universale
Come recitare i Mantra
Le proprietà dei 7 Chakra

I segni dello Zodiaco

Il carattere dei segni zodiacali
L'Oroscopo e lo zodiaco Celtico

Natura e Uomo

Proprietà delle Erbe Mediche
Proprietà e i benefici dei Frutti
I Super Alimenti o Superfood
Mangiare a Colori
Benefici dei Fiori di Bach
Naturopatia e Terapie Naturali
Proprietà di Pietre e Cristalli


Mondo Bambino

Come apprendono i bambini
Come comprendere i figli
Il Tuina Pediatrico

Viaggi del Benessere

I luoghi più belli del Mondo
I borghi più belli d'Italia

Numerologia e Numeri

Il significato dei numeri
Come interpretare i numeri
Numeri Maestri e Karmici

Le proprietà dei Colori

Il significato dei Colori
Il Test dei Colori
I Colori di Frutta e Verdura

Il significato dei Fiori

II Significato dei Fiori
Il linguaggio dei Fiori
Dillo con un Fiore

Il significato dei Nomi

Il significato e origine dei Nomi
Il carattere e le virtù dei Nomi

Il significato dei Sogni

Il significato dei Sogni
Interpretazione dei Sogni

Libri per Evolvere

Ispirazione per scrivere
Scrivere a mano libera
Come diventare scrittori
Libri da leggere
I libri più letti del Giardino

Castelmezzano: una perla nella Valle del Basento




Guida di viaggio: Castelmezzano

Castelmezzano è un comune in provincia di Potenza. La sua origine risale agli albori della colonizzazione greca della valle del Basento tra il VI ed il V secolo a.C. a cui seguì la fondazione di un centro urbano chiamato Maudoro, cioè mondo d'oro. In seguito alle invasioni saracene nel X secolo d.C. gli abitanti di Castelmezzano si trasferirono nel luogo ora conosciuto. Successivamente all'invasione longobarda, tra il XI ed il XIII secolo d.C., questa terra vide il predominio Normanno che per valorizzarne la presenza, costruì un castello chiamato Castrum Medianum, (castello di mezzo). Fu chiamato così perché costruito tra i castelli di Pietrapertosa e quello di Albano e da cui deriva il nome originale della città.

In seguito al dominio Angioino, conobbe periodi di estrema difficoltà, a cui seguì nel 1310, l’acquisizione della cittadina alla diocesi di Potenza e nel 1324 a quella di Acerenza. Tra il XIV e il XVI secolo Castelmezzano vide la conquista da parte degli Aragonesi che diedero a molti dei proprietari terrieri parti della città come feudo. Governata dalla famiglia De Leonardis dal 1580 al 1686 e in seguito dai De Lerma, durante il XIX secolo vide espandersi la piaga del brigantaggio e alla fine del secolo, molti furono coloro che si trasferirono oltreoceano.

Come tutte le città cariche di storia Castelmezzano non poteva che essere ricca di monumenti e ricorrenze. Girando per le vie di questa cittadina vi potete imbattere nella famosa Chiesa Madre di Santa Maria dell'Olmo costruita all'inizio del XIII secolo che fu più volte modificata al suo interno. Si potranno osservare capolavori artistici come i dipinti della “Madonna del Carmelo”, delle “Anime purganti”, della “Sacra Famiglia” (o “Trinità Terrestre”), attribuita al pittore seicentesco Pietrafesa e le bellissime statue di “Santa Maria dell’Olmo”, della “Madonna del Bosco-Regina Pura”, della “Madonna col bambino”, e della “Madonna dell’Ascensione”. Un'altra bellissima chiesa di questo grazioso borgo è la Chiesa del Santo Sepolcro, chiamata così già nel 1544 perché avvenivano molte sepolture e forse già in epoche passate vi si celebrava il Venerdì Santo come avviene ancora oggi. La chiesa che attualmente è anche cimitero comunale, ha al suo interno la statua lignea della “Madonna dell’Ascensione”, fonte di un'antica leggenda. Creata nel XIV secolo si narra che sia stata ritrovata sulla rive del mare da due pescatori che, in seguito alla richiesta della Vergine, fu portata nella città dove ora sorge la cappella e divenne talmente pesante da non poter più essere spostata.
Dopo la costruzione della cappella, comparvero vicino ad essa altre due statue raffiguranti dei marinai in preghiera. Legata a questa scultura è la festa della “Madonna dell’Ascensione" che si svolge ogni anno nell’ultima domenica di maggio.

Ma le sorprese e le richezze di Castelmezzano non finiscono qui. Altri luoghi suggestivi che meritano una visita sono la Cappella della Madonna dell’Annunziata ubicata nella parte più alta del centro cittadino, costruita intorno al XVIII secolo e quella di San Marco, dentro la quale è possibile vedere un antico quadro con l'effige della Madonna delle Grazie, motivo per il quale viene chiamata "Cappella della Madonna delle Grazie". La piccola statua della Madonna viene portata in processione il 2 luglio di ogni anno. Chi si troverà a passeggiare per le vie di Castelmezzano non rimarrà sorpreso solo dal suo patrimonio artistico ma, secondo il periodo dell'anno, anche dalle molteplici manifestazioni che vengono organizzate. In particolare, si può citare, il “Volo dell'Angelo” che si svolge tra giugno e settembre: si tratta di una manifestazione dedicata ai giovani e consiste nel legarsi ad un'imbracatura speciale agganciata ad un cavo d'acciaio rimanendo sospesi a mille metri di altezza, tra Castelmezzano a Pietrapertosa ad una velocità di circa 120 km/h.
Molti altri sono gli eventi religiosi che vengono organizzati durante l’anno come la festa del patrono in onore di San Rocco che si svolge il 19 agosto, e poi ancora la "Festa del maggio" o "Sposalizio degli alberi". Il 12 e 13 settembre durante la festa di Sant'Antonio un tronco di cerro, scelto e tagliato tradizionalmente da boscaioli del luogo, viene portato fino al paese da coppie di buoi per poi essere innalzato e scalato da giovani dopo aver trasportato un agrifoglio fino al paese.

Per gli amanti della buona cucina e del divertimento ogni 13 dicembre, nel corso dei festeggiamenti dedicati a Santa Lucia, si svolge, davanti alla chiesa madre, la tipica Sagra della Cuccìa. In questa festa si potrà assaggiare la "cuccìa", un pietanza tradizionale del luogo fatta con fave, grano, ceci e cicerchie, cucinata in un pentolone che viene benedetto prima della sagra e poi servita a tutti i presenti come segno di benedizione. La suggestiva quanto particolare posizione di Castelmezzano ne fanno uno dei borghi storici più belli e caratteristici della Basilicata e d’Italia. Ottima e genuina la sua tradizione culinaria sia locale che regionale e in ultimo, ma non per importanza, sarete convolti dal calore tipico degli abitanti di Castelmezzano. La cornice naturale ne fa un borgo incantevole specie in inverno quando il suo fascino si manifesta con più evidenza.Quindi non resta che visitare e vivere Castelmezzano in tutto il suo splendore.

Scopri tutti gli altri borghi più belli d'Italia


Ti potrebbe interessare anche

Scopri i luoghi più belli del Mondo

Visita e guida alla città di Castelmezzano

Per gli amanti del gatto!
Un libro da non perdere!



L'ultimo straordinario libro di Rosella Latella


Seguici anche su



Frasi sagge

Frasi di Buddha
Frasi di Confucio
Frasi di Paulo Coelho
Frasi di Albert Einstein
Frasi di Mohandas Gandhi
Frasi di Carl Gustav Jung
Frasi del Dalai Lama
Frasi di Tiziano Terzani
Frasi di Stephen Littleword
Frasi di Alda Merini
Frasi di Khalil Gibran
Frasi di Giordano Bruno
Frasi di Brian Weiss
Frasi di Steve Jobs
Frasi di Rita L. Montalcini
Frasi di Salvatore Brizzi
Frasi di Massimo Gramellini
Frasi di Marylin Monroe
Frasi di Sergio Bambaren
Frasi di Oscar Wilde
Frasi di Sandro Pertini
Frasi di Socrate
Frasi di Martin Luther King
Frasi di Nelson Mandela

Frasi e aforismi sulla vita Frasi sull'amicizia
Frasi e aforismi sull'amore Frasi per Facebook
Frasi più belle dai Libri