Salute e Benessere

Discipline del Benessere
Benefici dell'Aromaterapia
Benefici dell'Agopuntura
Benefici della Cristalloterapia
Benefici dell'Ayurveda
Benefici della Cromoterapia
Benefici della Floriterapia
Benefici della Musicoterapia
Benefici della Pet Terapy
Come praticare il Reiki
Come praticare lo Yoga

Corpo, mente e spirito

Il Karma e il Principio Karmico
Il Principio Universale
Come recitare i Mantra
Le proprietà dei 7 Chakra

I segni dello Zodiaco

Il carattere dei segni zodiacali
L'Oroscopo e lo zodiaco Celtico

Natura e Uomo

Proprietà delle Erbe Mediche
Proprietà e i benefici dei Frutti
I Super Alimenti o Superfood
Mangiare a Colori
Benefici dei Fiori di Bach
Naturopatia e Terapie Naturali
Proprietà di Pietre e Cristalli


Mondo Bambino

Come apprendono i bambini
Come comprendere i figli
Il Tuina Pediatrico

Viaggi del Benessere

I luoghi più belli del Mondo
I borghi più belli d'Italia

Numerologia e Numeri

Il significato dei numeri
Come interpretare i numeri
Numeri Maestri e Karmici

Le proprietà dei Colori

Il significato dei Colori
Il Test dei Colori
I Colori di Frutta e Verdura

Il significato dei Fiori

II Significato dei Fiori
Il linguaggio dei Fiori
Dillo con un Fiore

Il significato dei Nomi

Il significato e origine dei Nomi
Il carattere e le virtù dei Nomi

Il significato dei Sogni

Il significato dei Sogni
Interpretazione dei Sogni

Libri per Evolvere

Ispirazione per scrivere
Scrivere a mano libera
Come diventare scrittori
Libri da leggere
I libri più letti del Giardino

Alberobello: il caratteristico borgo dei Trulli




Guida di viaggio: Alberobello

Il caratteristico e suggestivo borgo di Alberobello sorge in provincia di Bari in Puglia ed è situato al centro della Valle D'Itria e della Terra dei Trulli, così nominata per via dei celebri Trulli che la caratterizzano. Questi sono le tipiche abitazioni costruite in pietra che nel 1996, sono state dichiarate patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Questa nobilissima terra cominciò a essere abitata verso i primi anni del XVI secolo grazie alla determinazione del conte di Conversano Andrea Matteo III Acquaviva d'Aragona, che dal feudo di Noci fece giungere su queste terre una quarantina di famiglie di contadini per bonificare e coltivare le proprie terre, e obbligandoli alla consegna della decima sui raccolti. Un suo discendente il conte Gian Girolamo II, vista l'enorme quantità di sedimenti calcari, e volendo raggirare la legge del Baronibus, secondo la quale la costruzione di un nuovo centro abitato richiedeva il consenso del re e il successivo versamento dei tributi, concesse ai contadini la costruzione di case in sola pietra senza l'uso di malta. Questo perché le case apparissero momentanee e facili da demolire in modo tale da non poter essere considerato un vero e proprio centro abitato. Da qui le origini dei famosi e riconoscibili Trulli che noi tutti conosciamo.

Il 27 maggio 1797, in seguito a un'istanza degli abitanti di Alberobello al re Ferdinando IV di Borbone, il piccolo villaggio di Trulli si liberò del gioco feudale, diventando una città regia. Tutte queste vicende sono scolpite nelle pietre dei trulli che il visitatore, passando per le vie di Alberobello, ritroverà intatte come se i secoli non fossero mai passati. Concentrati tutti in un intero quartiere, i Trulli costruiti dai contadini in sola pietra, sono di forma rotonda con il tetto a cupola autoportante, fatto in cerchi di pietre sovrapposti. Dal modo e dalla cura con cui vennero costruiti questi capolavori dell'ingegno umano è facile ancora oggi identificare la ricchezza delle famiglie che le abitavano o la maestria di colui che le aveva costruite. I deliziosi tetti a cupola, venivano abbelliti con pinnacoli decorativi la cui forma si ispirava a elementi che andavano dal religioso, al mistico, al simbolico. I simboli dipinti, spesso sono la rappresentazione dei segni dello zodiaco e i pinnacoli erano l'identificazione del civico. Il Trullo più grande viene chiamato Trullo Sovrano, esso fu fatto costruire dalla famiglia Perta nella metà del Settecento, composto in due piani è ora sede di un museo visitabile, arredato in stile settecentesco come in origine, grazie alle descrizioni e dai racconti degli abitanti più anziani di Alberobello.

Nel periodo estivo Alberobello è sede di alcune manifestazioni: spettacoli teatrali, serate culturali e di poesia oppure concerti di piccole orchestre. Tra i quartieri Aia Piccola e Piazza del Popolo si trova il più grande complesso di Trulli chiamato Casa Pezzolla dal nome degli ultimi proprietari. Quindici trulli in tutto sono vicini e comunicanti tra loro e sono i più antichi Trulli di Alberobello. Risalgono al XVIII secolo e sono stati completamenti restaurati. Le concentrazioni di Trulli si distinguono in due parti: una, più recente, si affaccia sulla piazza XXVII Maggio ed è composta da due piani, faccia alta e stretta, su un timpano triangolare e con il tetto a due falde, coperto da chiancarelle. L'altra parte, più antica, risente dell'influenza della zona monumentale dell'Aia Piccola.

In questa cittadina incantevole e un po' magica, il turista potrà visitare, oltre agli splendidi vicoli del centro storico anche monumenti di grande bellezza e incanto come la chiesa di Sant'Antonio, costruita intorno al 1926 e il 1927 come dono di una cittadina di Alberobello ai sacerdoti Quanelliani. Riproduce le fattezze di un insieme di trulli su una pianta a croce greca, con una cupola di 21 metri.
Tra le manifestazioni che si svolgono ad Alberobello citiamo la rievocazione storica della cacciata del conte di Conversano, il Presepe vivente che viene realizzato tra i Trulli, dove viene rappresentata la vita paesana del XIX secolo e la passione di Gesù con la Via Crucis. Ad Alberobello non può certo mancare la degustazione dei svariati prodotti tipici della tradizione enogastronomica o ammirare l’ampia scelta di prodotti artigianali che va dalla lavorazione del ferro ai cesti in legno d'ulivo, ai lavori con la pietra fino alla famosa manifattura tessile in particolare abiti realizzati in lino.

Gustosi e prelibati sono anche i vini, in particolare l’ottimo vino novello, l’olio di grande qualità delle terre pugliesi. Buonissimi sono anche i prodotti dolciari come quelli fatti con le mandorle, le cartellate, le pettole e gli amaretti e  tanti altri prodotti tipici della regione. Indubbiamente ciò che attrae di più durante la visita al borgo di Alberobello sono le curiose e uniche abitazioni in pietra dei Trulli. Vi troverete a passeggiare dentro un affascinante labirinto di vicoli colorati che non potrà che rimanere a lungo nella vostra memoria.

Scopri tutti gli altri borghi più belli d'Italia


Ti potrebbe interessare anche

Scopri i luoghi più belli del Mondo

Visita e guida alla città di Alberobello

Per gli amanti del gatto!
Un libro da non perdere!



L'ultimo straordinario libro di Rosella Latella


Seguici anche su



Frasi sagge

Frasi di Buddha
Frasi di Confucio
Frasi di Paulo Coelho
Frasi di Albert Einstein
Frasi di Mohandas Gandhi
Frasi di Carl Gustav Jung
Frasi del Dalai Lama
Frasi di Tiziano Terzani
Frasi di Stephen Littleword
Frasi di Alda Merini
Frasi di Khalil Gibran
Frasi di Giordano Bruno
Frasi di Brian Weiss
Frasi di Steve Jobs
Frasi di Rita L. Montalcini
Frasi di Salvatore Brizzi
Frasi di Massimo Gramellini
Frasi di Marylin Monroe
Frasi di Sergio Bambaren
Frasi di Oscar Wilde
Frasi di Sandro Pertini
Frasi di Socrate
Frasi di Martin Luther King
Frasi di Nelson Mandela

Frasi e aforismi sulla vita Frasi sull'amicizia
Frasi e aforismi sull'amore Frasi per Facebook
Frasi più belle dai Libri